venerdì 20 marzo 2020

È CORRETTO SPIEGARE AI BAMBINI COS’E’ IL COVID-19?

PAROLE E STRATEGIE PER SPIEGARE AI BAMBINI L’EMERGENZA CORONAVIRUS

TAGS: Figli, Stress, Ansia, Comunicazione, Crescita personale, Paura, Genitori, Benessere

In questo momento di grande difficoltà siamo chiamati a proteggerci all’interno delle nostre case e viene naturale porci delle domande nei riguardi dei più piccoli.

  • Soffrono anche loro nello stare a casa?
  • Quali difficoltà possono incontrare bambini in questo periodo di emergenza sanitaria?
  • Come gestire le regole dello stare a casa?
  • Quali procedure e trucchi da seguire?
  • E se i genitori sono separati? come fare?

Scopriamo assieme, allora come spiegare ai bambini cosa è il Covid-19.

PER UN BAMBINO È CORRETTO PARLARE DI CORONAVIRUS?

È corretto dire la verità sulla situazione attuale ma dipende dall’età del bambino. Se è piccolo si possono utilizzare delle storie, ma l’importante non è calcare sul pericolo e poi, mano a mano che si va avanti con la storia, si possono dare notizie in più, ma è necessario porre attenzione sulle modalità di trasferimento delle stesse notizie. Mi spiego meglio, questo tipo di spiegazione va data emanando serenità e tranquillità: invito, quindi, tutti i genitori/tutori  ad essere attenti a non trasmettere paure. Ricordatevi che i bambini assorbono e sono molto attenti alle emozioni dei grandi. Quindi, se per esempio abbraccio un bambino dicendogli di stare tranquillo, ma il mio corpo è completamente in tensione è molto facile trasmettere una contraddizione, ovvero un'ansia ingiustificata.

I BAMBINI SOFFRONO NELLO STARE A CASA IN QUESTA EMERGENZA?

I bambini soffrono e provano le stesse nostre emozioni. È importante, quindi, cercare di mantenere i contatti con i compagni di scuola e gli amici attraverso, ad esempio, le videochiamate. È fondamentale, inoltre, cercare di instaurare una sorta di routine quotidiana come avveniva prima dell’emergenza, perché la routine è rassicurante. Prima la loro giornata era scandita da un determinato ritmo (sveglia, scuola, compiti, sport, gioco etc.), mentre ora la giornata è completamente stravolta e diventa necessario ricreare una sorta di giornata tipo, scandita da attività quotidiane. Potrebbe essere utile, infine, far notare ai bambini le cose belle dello stare in casa: ad esempio, non posso andare a scuola, ma posso seguire e vedere la maestra on line e questo può essere divertente!

ATTENZIONE AI PROGRAMMI IN TV!

È bene avere attenzione ai programmi che si trasmettono in televisione. Bene i cartoni animati e altri programmi per bambini, ma, poiché in questo momento le reti televisive sono impegnate principalmente in notiziari riguardanti l’emergenza codid-19, è necessario porre attenzione ai programmi che il bambino guarda e in caso sedersi accanto a lui per spiegare cosa sta vedendo in televisione. 

SE I GENITORI SONO SEPARATI?

La premessa alla risposta a questa domanda è che sono gli adulti che si separano, ma in quanto genitori resteranno sempre tali, anche durante questa importante emergenza sanitaria. È chiaramente certo che un genitore sarà più svantaggiato dell’altro e questo vuol dire che non avrà la possibilità di vederlo come prima. Di conseguenza, diventa fondamentale per gli ex coniugi mantenere un atteggiamento collaborativo e allontanare gli eventuali rancori per favorire il contatto del bambino con i genitori. Il contatto potrebbe avvenire online anche tutti i giorni e tutte le volte che il bambino lo desidera. Il rischio di non mantenere rapporti è che si senta abbandonato. È importante allora mantenere per entrambi gli ex coniugi la funzione genitoriale.

Ricapitolando le parole chiave da tenere a mente in questo periodo con i bambini sono:

  • Tranquillità
  • Routine
  • Comunicazione
  • Attenzione
  • Collaborazione genitoriale

Per qualsiasi informazione o dubbio, contattatemi


HAI BISOGNO DI MAGGIORI INFORMAZIONI O VUOI FISSARE UN APPUNTAMENTO?